martedì 2 gennaio 2018

COMETA di PANE PROVENZALE

Ingredienti: 200g pasta madre rinfrescata 6 ore prima, 340ml acqua, 30g miele di arancio, 300g farina O, 220g semola rimacinata, 30ml olio, 10g sale, 1 cucchiaio raso erbe di Provenza
Riunire nell'impastatrice la pasta madre con l'acqua tiepida e il miele, unirvi le farine, l'olio, le erbe di Provenza e per ultimo il sale; azionare l'apparecchio e impastare per 10 minuti. Prelevare l'impasto, compattarlo su un piano infarinato, e adagiarlo in uno stampo unto di olio a forma di cometa. Mettere a lievitare in forno spento e con lo sportello chiuso, per 6 ore. Cuocere il pane in forno già caldo a 200° per 20 minuti, abbassare la temperatura a 180° e proseguire la cottura per altri 15 minuti. Togliere la cometa dal forno, capovolgerla su una gratella e lasciarla raffreddare, prima di servire il pane in tavola.

10 commenti:

  1. Il pane deve essere delizioso e profumatissima..la forma perfetta x il periodo ^_^ Brava Simo ^_^

    RispondiElimina
  2. Cara Simona, bella e buona pure morbida!
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. bellissimo questo pane,come sempre brava,buon anno cara,ti abbraccio

    RispondiElimina
  4. Ma è stupenda Simona una vera meraviglia!!!Augurissimi cara per tanta serenità e tante ricettine deliziose!!!!Un abbraccio cara

    RispondiElimina
  5. adoro le erbe di Provenza, aggiungono tanto sapore e profumo ! Buon 2018, un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Il risultato è veramente strepitoso come anche l'oggetto che imita. Vorrei provare a farla ma non ho mai fatto il pane e non credo che ce la farei :P
    Spero il Nuovo Anno sia iniziato molto bene per te.
    Cari saluti,
    Flo

    RispondiElimina
  7. Una bellissima stella! Buon anno Simo, un abbraccio grande :)

    RispondiElimina
  8. Ma che cosa stupenda ha fatto Simona complimenti! Buon anno tu auguro un 2018 scintillante

    RispondiElimina
  9. Ma che bella! Bravissima. Felice anno nuovo!!

    RispondiElimina
  10. Talmente bella che è un peccato mangiarla.

    RispondiElimina